tempo pratica
Consapevolezza Corporea, Prenditi cura di te

Il tempo della pratica

Ed ecco arrivato il tempo della pratica. Una volta trovata la tua motivazione profonda ed organizzato lo spazio in casa, ecco che arriva il momento della pratica. E’ in questo momento che potrebbero sorgerti tre domande:

“E ora cosa faccio?” Questa e’ la domanda che piu’ spesso mi viene posta. E devo dire la verita’ e’ la stessa che mi sono fatta anche io le prime volte. Prima ancora di capire quanto tempo dedicare alla pratica e con quale cadenza e’ importante e giusto sapere organizzare il tempo della pratica. Probabilmente le prime volte lo farai in maniera precisa e dettagliata, con l’esperienza ti lascerai guidare dall’intuito e dal linguaggio del tuo corpo seguendo un filo logico e la tua motivazione. Se non riesci ad organizzare una pratica da sola puoi farti aiutare da una professionista o farti aiutare da una lezione guidata.

“Per quanto tempo?” ecco un’altra domanda che ti verra’ spontanea. Il tempo lo scegli tu in base alla tua organizzazione giornaliera o settimanale e in base anche alla pratica che hai scelto di fare. Se scegli di fare una pratica di rilassamento il tempo minimo e’ di 10-15 minuti. Se scegli di portare la tua attenzione alla pratica della consapevolezza del respiro potrebbero anche servirti solo 5 minuti ogni giorno.

“Quante volte alla settimana?” anche a questa domanda solo tu sai rispondere. La tua motivazione ti sara’ di aiuto. Io mi permetto di dirti che il minimo, per poter vedere dei benefici, e’ una volta a settimana.

Per la tua pratica a casa hai bisogno, oltre ad una minima conoscenza, di quattro elementi: Motivazione, spazio, tempo ed autodisciplina. Concludo questa serie di articoli con l’ultimo elemento: l’autodisciplina del quale ho gia’ parlato in un precendente articolo che ti invito a leggere qui.

Photo by Andrik Langfield on Unsplash

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.